martedì 30 novembre 2010

La Stagione dell'Amore

Iceland

ICELAND from Gunnar Konradsson on Vimeo.

CableGate

Per chi volesse iniziare a spulciare i 251.287 file in fase di pubblicazione da parte di Wikileaks sulla corrispondenza tra il Dipartimento di Stato americano e le sue ambasciate nel mondo, può farlo qui.

Sign of the "Times"

Udite, udite: il manoscritto del testo di The Times They Are a-Changin’ scritto da Bob Dylan verrà battuto all'asta da Sotheby's il prossimo mese. Il prezzo dovrebbe oscillare tra i 200mila e i 300mila dollari, dicono dalla casa d'asta inglese.

Poor Obama

Barack Obama si è fatto male al labbro giocando a basket. Non gliene va bene una, al povero Barry.

Ecuador Sweet Ecuador

Mentre Julian Assange sta cercando casa, visto che tutto il mondo gli sta alle calcagna, finora solo un Paese si è reso disponibile per offrirgli asilo politico (se così si può dire).

After Life

L'Italia che si innamora

Addio Mario

E' morto Mario Monicelli, suicida a Roma.

lunedì 29 novembre 2010

New Nigeria Cinema

Si chiama Nollywood: la notizia è che ha superato Hollywood come seconda maggiore industria produttrice di film al mondo, dopo naturalmente la Bollywood indiana.

Inception

di Paolo Massa

Da sempre il cinema cerca di confondere le idee agli spettatori circa la realtà e la finzione delle immagini proiettate sullo schermo, quasi come se il sogno fosse la reale dimensione all’interno della quale diventiamo anche noi parte del film. Questo succede a maggior ragione in Inception, ultima pellicola di Christopher Nolan dopo il successo del suo Cavaliere oscuro.

Dom Cobb, il protagonista interpretato da Leonardo DiCaprio, è un ladro di sogni capace di appropriarsi dei segreti altrui, custoditi negli angoli più bui dell’inconscio umano, per rivenderli al migliore offerente soprattutto nel campo dello spionaggio imprenditoriale. Inception si apre proprio con una sequenza che ci mostra la tecnica di Cobb, il quale insieme a una squadra ben addestrata riesce ad infiltrarsi nel sogno della vittima per carpirne il segreto desiderato. Ma Cobb stesso ha dei segreti inconfessati, che lo turbano spesso durante questi suoi viaggi nel mondo dei sogni, segreti che hanno la sembianza avvenente e morbosa della moglie (Marion Cotillard), morta in circostanze che si chiariranno solo nel corso della narrazione.

Christopher Nolan riesce a rendere bene la necessità opprimente del protagonista di continuare a fluttuare nel mondo dell’inconscio, perché una volta che vedi cosa c’è dietro la realtà sognata diventa sempre più difficile ritornare alla vita reale. L’intreccio comincia a complicarsi quando Dom Cobb viene assoldato da un ricco imprenditore non più per rubare un segreto ma bensì per impiantare una idea dentro la mente della vittima. Cosa quanto mai difficile per il semplice motivo che più l’idea è complessa, maggiori saranno le probabilità di insuccesso.

Questa volta il team di Cobb dovrà scendere negli inferi della mente, livello dopo livello, correndo il rischio di fallire e di farsi catturare. Nolan ci guida per mano tra i meandri sbiaditi di un sogno che sembra reale, come uno specchio rotto in mille pezzi dove ogni singolo tassello servirà a percorrere il tragitto, a volte un po’ confuso, di questo lungo viaggio.

Voto ***1/2

Il mio nome è Khan

di Paolo Massa

Ci sono film sinceri che non fanno sconti a niente e nessuno e film costruiti a tavolino al solo scopo di propagandare una certa idea del mondo. Il mio nome è Khan, diretto dal regista Karan Johar, fa parte della seconda categoria nonostante tutte le buone intenzioni che di certo hanno motivato produttori e sceneggiatori. Peccato perché le tematiche trattate non sono roba da poco, soprattutto in un paese come gli Stati Uniti dove gli immigrati vivono sulla loro pelle ben altro che quel sogno americano troppo spesso sbandierato come certezza.

Ne sa qualcosa il musulmano Khan, interpretato da un bravo Shah Rukh Khan, che affetto dalla sindrome di Asperger (una forma lieve di autismo) non riesce a rapportarsi spontaneamente con le altre persone. Morta la madre, raggiunge il fratello in America dove incontrerà una bellissima ragazza, Mandira (Kajol), madre single di religione induista che riuscirà a ricambiare l'amore di quest'uomo un po' imbranato, spesso con le idee troppo chiare soprattutto in fatto di matrimonio, ma con un cuore grande come una casa.

I due si innamoreranno e si sposeranno contro tutti i pronostici degli spettatori (si fa per dire, ovviamente) ma arriverà lo squarcio dell'11 settembre nel cielo di Manhattan a strappare il sogno di felicità costruito dai due sposini. Tutto quello che può andare male va anche peggio, dando la sensazione che il regista voglia dipingere il peggiore sfondo possibile per ambientare il messaggio di speranza di Khan, che vorrà a tutti i costi parlare con il Presidente degli Stati Uniti per dirgli che non è un terrorista.

Non ne sveliamo la ragione per evitare ulteriori ricadute su una sceneggiatura già di per sé troppo prevedibile, farcita all'inverosimile di buonismo e sentimentalismo, con una colonna sonora a volte davvero debordante che cerca di aggiungere laddove ci sarebbe da tagliare. "Ci sono le persone buone e le persone cattive", dice la madre al piccolo Khan. Ci verrebbe da dire, parafrasando gli sceneggiatori: "Ci sono film buoni e film cattivi". Tutto qui.

Voto **

domenica 28 novembre 2010

Hope for Haiti

Haiti è quasi pronta per le prime elezioni generali dopo il terribile terremoto dello scorso gennaio e l'epidemia di colera che sta mietendo ancora vittime. In bocca al lupo!

sabato 27 novembre 2010

Tornando a casa per Natale

di Paolo Massa

Il Natale è una festività che coinvolge (quasi) tutti in giro per il mondo, e forse anche per questo il regista e sceneggiatore di Tornando a casa per Natale, Ben Hamer, ha scelto di raccontare la notte tra il 24 e il 25 dicembre attraverso le vicende di più personaggi, ognuno con le proprie frustrazioni e speranze per l'anno nuovo.

Fin qui nessuna novità, e proprio tale mancanza di originalità sembra essere il grande limite di un film che rischia spesso di ricalcare storie già sentite altrove: un uomo che si veste (senza farsi riconoscere) da Babbo Natale per rivedere l'ex moglie e i figli, un vecchio campione di calcio alcolizzato che cerca di tornare a casa per le vacanze, una donna che spera invano che l'amante lasci per sempre la moglie, uno studente che finge di non credere al Natale per stare con la compagna di classe musulmana e una coppia serbo-albanese dal passato oscuro.

Personaggi perdenti e non, frutto di una visione del mondo secondo la quale o tutto è perfetto o tutto non lo è, dove mancano vie di mezzo capaci di rendere la complessità della vita quotidiana. L'ambientazione è immersa in una neve perenne, di certo ci troviamo in un paese scandinavo, ma non basta il fascino della location e della bellissima colonna sonora finale Home for Christmas cantata da Maria Mena a dare quel pizzico di credibilità ad una pellicola dalle buone intenzioni ma senza una propria anima distintiva. Si poteva fare di meglio.

Voto **

I can do nothing for you son

giovedì 25 novembre 2010

Home for Christmas

Punch Me Panda

C'è un artista a New York che si offre come punchball contro lo stress cittadino. Lui si chiama Nate Hill, va in giro travestito da Panda e si fa scaricare addosso dai passanti più bisognosi la loro rabbia repressa. Qui alcune foto pubblicate dal Wall Street Journal.

Happy Thanksgiving!

mercoledì 24 novembre 2010

From Apple to Apple

Una beata Minchia

Everything is gonna be alright

For You

Grazie mille ancora a KEXP, la preziosa radio americana di Seattle che posta video musicali davvero imperdibili.

Safety First

All My Days



Qui sotto la bellissima colonna sonora di Alexi Murdoch, dal titolo All My Days.

Starving

And you are not alone in this

Votar és un plaer

Che votare sia un piacere (sessuale) lo pensano solo in Spagna.

I'm movin' past the feeling

martedì 23 novembre 2010

The King is Dead

Are you crazzzy?

Viva l'Italia

Larger than Iraq and Afghanistan

"Next release is 7x the size of the Iraq War Logs. Intense pressure over it for months. Keep us strong". E' quello che si può leggere sull'account Twitter del sito Wikileaks. Get ready, then.

Stay there, Sarah

Barbara Bush ha le idee chiare sulla star del Tea Party Sarah Palin. Alla domanda di Larry King ha risposto: "I sat next to her once. Thought she was beautiful. And she's very happy in Alaska, and I hope she'll stay there".

giovedì 18 novembre 2010

Cribbio, ma cosa fate?

The Roots of Bruce



Funny Boss

Era in vena di scherzare, Bruce Springsteen, in occasione dell'unica apparizione televisiva, al Late Night With Jimmy Fallon, per presentare il suo ultimo cofanetto The Promise. Jimmy Fallon, nei panni di un Neil Young in versione anni 70, ha intonato la canzone Whip my hair insieme a un Boss anche lui in perfetto stile Seventies. Duetto imperdibile!

Amazon goes to Hollywood

A breve nasceranno gli Amazon Studios. Sul sito si potranno caricare liberamente sceneggiature o stralci di un film, che poi verranno giudicati da un panel di esperti. Commento del Los Angeles Times:"The chances of any material uploaded to Amazon Studios turning into a movie are slim".

I believe so

Domanda secca di Barbara Walters a Sarah Palin dagli schermi della abc News: "If you ran for President, could you beat Barack Obama?" La risposta è nel titolo di questo post.

mercoledì 17 novembre 2010

Viva l'Italia!

I love Alaska

Bruce for Silvio

Waiting for Christmas

Rockefeller Center Christmas Tree 2010 from NBC News on Vimeo.

La loro Africa

From Diana to Kate

E' ufficiale: William e Kate si sposeranno. Con la benedizione della principessa Diana. L'anello di fidanzamento apparteneva proprio alla madre di William.

26%

E' la percentuale di cittadini statunitensi convinta che Barack Obama verrà rieletto alla Casa Bianca nel 2012. Damn it!

USA vs CINA

"Today China has not only a more vigorous economy, but actually a better functioning government than the United States". Parola di George Soros.

Freedom

martedì 16 novembre 2010

There's no need for words

Breakdance goes classical

The New World

Qualcuno propone di colonizzare un nuovo pianeta: what about Marte?

No Comment

L'Università delle Hawaii, dove Barack Obama è nato, e l'Università di Chicago, dove il primo presidente afroamericano a stelle e strisce ha insegnato legge, sono le sedi più quotate ad ospitare la biblioteca presidenziale che preserverà l'eredità su carta di Obama. Peccato che Barry ha davanti a sè altri due anni di lavoro, se non più, e di solito la decisione finale arriva sul finire del mandato presidenziale. Alla domanda di discutere circa le preferenze di Barack Obama, un portavoce della Casa Bianca ha risposto: "No comment".

domenica 14 novembre 2010

Take Off The Pink Tutu

Michael Moore ha un piccolo consiglio per il suo amico Barack Obama: "It's time to put on the boxing gloves and fight for the people and go fighting for the people".

The man who shot the 70s

Il fotografo che ha immortalato gli anni 70 si chiama Mick Rock, e in occasione della sua nuova mostra a Londra ha rilasciato una bella intervista alla CNN.

I walk with angels that have no place


Bruce Springsteen Myspace Music Videos

It's Youtube, stupid

Who will be TIME's 2010 Person of the Year?

La battaglia sta entrando nel vivo, qui potete vedere i risultati parziali dopo aver votato il vostro candidato preferito. Chi la spunterà entro la fine dell'anno? Secondo me The Unemployed American.

Sì viaggiare

Si chiama Airbnb, e potrebbe trasformarsi nella nuova frontiera dei viaggi low-cost. C'è chi offre la propria camera in affitto, anche per pochi giorni, e c'è chi ne usufruisce per ammortizzare sui costi del pernottamento. Dateci un'occhiata prima di partire per il vostro prossimo viaggio: non si può mai sapere.

The Pursuit of Happiness

The Real Boardwalk Empire

sabato 13 novembre 2010

We had a Dream



Grazie Dino!

Sleeping Trees

Sapevate che a Central Park, a New York, c'è un posto dove poter risparmiare sul costo dell'alloggio? L'importante è non soffrire di vertigini e portarsi dietro un'amaca. Ne parla il New York Times.

Do not try this at home

Un giornalista del Sun, Oliver Harvey, ha voluto provare sulla propra pelle il waterboarding, tanto elogiato nel suo libro di memorie dall'ex presidente americano George W. Bush. Qui il video.

I wanna be a Norwegian

Norway is number one! Surprise? Not for the Human Development Index. The Scandinavian nation tends to hang out near the top of the list, with its high tax, high wage, high benefit culture. Its per capita income has risen enormously for a variety of reasons, perhaps none more important than the North Sea oil well, HDI's William Orme said. The country has invested that income in social and public services, health and education.

Non ci credete? Leggete qui. Indovinate a che posto si è posizionata l'Italia?

I 40 ladroni

Sembrerebbe che i Taliban siano parecchio interessati alle divise dei militari a stelle e strisce. Parola del Pentagono.

Merry (next) Christmas

New York is almost ready!

I'm lookin' back on my life

martedì 9 novembre 2010

All my life I fought this fight

And we’re traveling coast to coast

"I believe in justice, not revenge"

"I never thought about politcs"

50 years ago

The JFK you've never seen

Paradise now

Images Of Papua New Guinea - Scene 1 from Michael Fletcher on Vimeo.

Our defining moment

Watch more free documentaries

Alone in New York

Alone in New York from Giuseppe Vetrano on Vimeo.

Homescreen?

Bruce's room