venerdì 28 marzo 2008

Ospite in tv

Ieri sera ho partecipato, per la prima volta nella mia vita, ad una trasmissione televisiva: per la precisione ad Annozero di Michele Santoro. E' stata una bella esperienza, anche solo per capire i meccanismi sottesi alla produzione di un programma tv. Le luci rosse delle telecamere in studio ad indicare al conduttore dove guardare di volta in volta; i gesti dei tecnici a Santoro per avvertirlo dell'imminente pubblicità da lanciare o di un'eventuale telefonata di un politico in studio (ieri è avvenuto con la Prestigiacomo). Anche se la trasmissione non è stata particolarmente entusiasmante - si parlava di case popolari - l'occasione è stata delle più ghiotte, e si ripeterà per me anche lunedì prossimo, in un'altra puntata di Annozero. Ieri sera in studio c'erano Daniela Santanchè e Fausto Bertinotti, e come al solito, in quanto politici italiani, non hanno fatto (a mio parere) una gran bella figura. Per un motivo molto semplice: ogni loro parola è stata pronunciata per meri fini propagandistici - lo so che siamo in campagna elettorale - e quindi inadeguata ad informare come si deve i cittadini. Ecco perchè continuo a pensare che i politici dovrebbero essere banditi da quelle trasmissioni che aspirano a dire un pizzico di verità sull'effettiva realtà dei fatti. Invitate invece giornalisti, intellettuali, insomma persone competenti che non avrebbero nessun conflitto d'interessi (per esempio le imminenti elezioni politiche) per nascondere tutta la verità, nient'altro che la verità. Che continuino, i politici, a scannarsi nelle aule parlamentari (e da Bruno Vespa). Nessuno glielo lo vieta.

2 commenti:

Federico ha detto...

Bello!

Sono d'accordo con te per quanto riguarda i politici banditi da certi programmi...anche se - da sardo - se parlo di banditi potrei essere frainteso...scherzo.

Un saluto.

Gabriele ha detto...

mah, come se i giornalisti e gli intellettuali non avessero interessi di bottega da difendere con balle colossali. per me ci vuole solo una cosa: moderatori/presentatori con le palle e informati in grado di smascherare le putt... dette dagli ospiti e di fare la cosiddetta "seconda domanda"